TORNA A DOSSIER
BACK


AMERICAN DREAM

ossia

I giorni di Buffalo

 

Anche quest’ anno sette ragazzi sono riusciti a varcare l’oceano e raggiungere l’America!  Gli studenti del liceo “Nicola Fiani” sono stati infatti i protagonisti di un’esperienza semplicemente fantastica. Giunti all’ aereoporto, dopo le prime presentazioni, ognuno di noi ha raggiunto il suo American friend  per dare inizio all’avventura. Sapevamo quello che ci aspettava ma l’affetto e il calore di tutti hanno reso quei giorni indimenticabili, pertanto cercherò di raccontarveli in dettaglio.

 

24/05

Padre Secondo Casarotto ha celebrato nella Parrocchia di Sant’ Antonio di Padova una messa in italiano; al termine abbiamo gustato un brunch in una bellissima sala del “Adams Mark Hotel” in compagnia della Vice Console d’Italia Lucia Carracci Cullens e del professore LoJacono, insegnante di italiano nella nostra “sister school”. Eravamo ospiti della Federation of Italian-American Societies of Western New York  che in quel giorno onorava la Famiglia Naples. Era presente anche il sindaco T.  Masiello.

 

25/05

Ore 07.30 in punto…tutti a scuola! Appena arrivati all’ “Hutch Tech” guidati da Mr. Gullo, insegnante di italiano e spagnolo, abbiamo visitato l’edificio notando delle vere e proprie differenze con il nostro mitico “Fiani”: sembrava di essere in un immenso labirinto con lunghi corridoi senza uscita. Poi, ci siamo recati nell’aula di italiano per soddisfare le curiosità di alcuni studenti americani sulla cultura italiana.

 

26/05

E’ accaduto qualcosa di veramente favoloso!Perchè?...Abbiamo” vestito i panni” di veri e propri studenti americani frequentando con loro lezioni di algebra, disegno, storia e per finire quella di italiano. Nel pomeriggio abbiamo avuto la possibilità di discutere con alcuni americani che studiano l’ italiano rispondendo alle loro domande che ci ponevano e nello specifico sul nostro paese. In serata abbiamo partecipato ad  un incontro con il Presidente della Federation of Italian-American Societies of Western New York e abbiamo gustato il piatto tipico della città: i “Buffalo’s wing”

 

27/05

Dopo esserci radunati tutti a scuola, abbiamo visitato la City Hall di Buffalo e abbiamo incontrato il sindaco. Più tardi siamo partiti……destinazione il Canada e precisamente le cascate del Niagara che hanno incantato i nostri occhi col la loro bellezza ineffabile: si vedevano montagne di acqua che sgorgavano impetuosamente.

La sera – di nuovo ospiti della Federation of Italian-American Societies of Western New – abbiamo partecipato ad  una cena con tutte le famiglie americane; in quella occasione abbiamo ringraziato il Preside dell’ “Hutch Tech” e molti nostri amici – compreso Donald Alessi, Presidente della Federation che ci ospitava - sono stati nominati soci onorari dell’Associazione Torremaggiore-Buffalo sorta a Torremaggiore circa quattro mesi fa..

 

28/05

Guidati da Mr. Gullo abbiamo visitato il centro della città ammirando chiese e palazzi famosi. Ognuno di noi ha trascorso la serata con la propria famiglia.

 

29/05

La mattina alcuni ragazzi dell’ “Hutch Tech”  hanno messo in scena  nell’auditorium  della scuola una piccola rappresentazione teatrale sul caso di Sacco e Vanzetti.

La sera . nell’ex  quartiere polacco della città - si è tenuta una cena con tutti i rappresentanti delle città gemellate con Buffalo: una grande emozione vedere scritto la città  di Torremaggiore tra quelle di Francia, Polonia, Giappone, Germania, Russia, Ucraina. Al termine abbiamo ascoltato un concerto di musica classica e musica africana nella bellissima chiesa di San  Stanislao.

 

30/05

Dover lasciare persone così speciali è stato veramente faticoso.

Parlare di un’esperienza fantastica è riduttivo per quello che abbiamo vissuto, in quanto è stata un’ esperienza che ci ha arricchito non solo perchè abbiamo visitato posti nuovi econosciuto culture diverse,  ma perché abbiamo capito che è possibile  creare coltivare una vera amicizia anche a distanza.

 Augusta Faienza
21 Aprile-3 Maggio 2005

BACK
TORNA A DOSSIER