TORNA A NEWS&EVENTI
BACK


NIAF. Consegnato a Peter Lojacono il riconoscimento come insegnante dell'anno

Peter Lojacono (foto di Riccardo Chioni)
(Clicca la foto per ingrandirla)

di Riccardo Chioni

14-10-2007

WASHINGTON.  Il nome di Peter LoJacono riecheggera  da oggi nelle sale degli insegnanti in tutte le scuole sparse sul territorio statunitente per il suo prestigioso riconoscimento ricevuto ieri a Washington.
A LoJacono e  stato assegnato il premio  Teacher of the Year  durante una cerimonia a latere della piu  importante convention annuale della National Italian American Foundation (NIAF), giunta alla 32.ma edizione, che ha richiamato al Washington Hilton Hotel oltre tremila persone.
Peter LoJacono insegna lingua e cultura italiana presso la Huntchinson Central Technical High School di Buffalo nello stato di New York dove le ha studiato ogni idea immaginabile per stuzzicare l interesse degli studenti e avvicinarli all Italia, a prescindere dalla loro appartenza etnica e linguistica.
Per riuscire nella sua missione - spiega il preside - LoJacono incontra i ledaer comunitari, partecipa alle attivita  di gruppi italoamericani e alle ricorrenze per restare in contatto con la realta  locale di Buffalo
L  Insegnate dell anno , oltre all attestato ha ottenuto un grant per proseguire gli studi in Italia, all Universita  di Perugia per gli stranieri dove nell estate del 2009 frequentera  un corso appositamente allestito per l aggiornamento degli insegnanti di lingua italiana all estero.
L'insegnante di Buffalo e  un pozzo di iniziative per stimolare lo studio della nostra lingua e tra le ultime sue trovate c e  la messa in scena delle vicissitudini in America di Sacco e Vanzetti, in italiano e inglese.
Ha creato anche uno scambio di studenti con la citta  di Torremaggiore, restando pero  con l amaro in gola perche  gli studenti italiani sono venuti in visita ai compagni di Buffalo, ma questi invece non possono recarsi in Italia a causa di un decreto comunale datato dopo l 11/9 ancora in atto che vieta gite scolastiche fuori dai confini nazionali.
Gli abbiamo chiesto quali doti si debba possedere per guadagnarsi questo ambito riconoscimento e ad America Oggi, Peter LoJacono ha detto  sto solo facendo del mio meglio per insegnare non soltanto la lingua, ma anche la cultura italiana ai miei ragazzi .
Questo - precisa l Insegnante dell anno - significa partecipare anche alle attivita  sociali della comunita  italoamericana. Ho creato uno scambio tra le scuole di Buffalo e Torremaggiore, che poi sono diventate citta  gemelle e questo per me e  stata una meravigliosa esperienza perche  e  diventata una realta . I ragazzi si scambiano corrispondenza, parlano dal vivo attraverso il computer con quelli che sono diventati i loro amici in Italia e trovo che sia molto bella come iniziativa perche  e  riuscita veramente a coinvolgere gli studenti su entrambe le sponde dell Atlantico.
Lo scambio di studenti, tuttavia, per il momento - spiega - e  avvenuto solo da parte italiana.
Per noi e  ancora vietato viaggiare all estero. Questa e  una cosa che mi infastidisce e mi auguro che un giorno cambino, cosi  potremo contraccambiare la visita. Ho parlato gia  in numerose occasioni con il sindaco di Buffalo e lui mi ha offerto la sua disponibilita , ma per il momento gli studenti della citta  restano svantaggiati rispetto ad altri. Sono ottimista e mi auguro che questa disposizione presto sia abrogata .
Spiega che i suoi studenti di origine italiana sono di terza, quarta generazione.  I miei genitori ad esempio - racconta LoJacono - vennero qua nel 1891. Molti studenti non parlano italiano, conservano alcune feste religiose e tradizioni, pero  la lingua italiana non e  molto parlata in casa. Solo qualche vocabolo nel dialetto del paese in Italia che e  rimasto in mente .
E anche a Buffalo e  in corso la battaglia per scongiurare che l insegnamento della lingua italiana scompaia dai programmi scolastici.
Abbiamo perso molti insegnanti di italiano perche  e  venuta meno la richiesta e i corsi sono stati cancellati per far posto ad altre lingue come francese e spagnolo. Dobbiamo mostrare l interesse, perche  l italiano e  una lingua viva, vivace, dinamica, leader nell universo della moda, cultura, cinema, nel campo scientifico. Penso di aver ottenuto un po  di successo nell opera di promozione dell insegnamento e, sempre per la ragione che penso positivo, sono convinto che da cosa nasce cosa .
Alla domanda perchè  ha deciso di portare in scena Sacco e Vanzetti, LoJacono spiega che ha ritenuto necessario spiegare anche la vita tribolata degli italiani.
Spiegare anzitutto che anche gli italiani venuti in questo Paese avevano dovuto affrontare le loro traversie, che la strada non e  stata facile, anche se oggi essere italiano significa avere una nota in piu . Poi anche per cementare il gemellaggio con Torremaggiore e fare un omaggio alla citta  natale di Nicola Sacco.

FONTE: http://www.americaoggi.info:80/platform/2007/10/14/1476-niaf

BACK
TORNA A NEWS&EVENTI